Cessione del quinto: ecco tutte le banche che la concedono

Agosto 29, 2019 Off Di Ubaldo
Cessione del quinto: ecco tutte le banche che la concedono

Il prestito con cessione del quinto è quel finanziamento a cui possono accedere i dipendenti pubblici e (in alcuni condizioni privati) e i pensionati; l’importo erogabile dipende soprattutto dall’entità dello stipendio netto che si percepisce (la rata infatti non può avere un importo superare al suo 20%) e il rimborso avviene tramite versamenti mensili effettuali dal datore di lavoro, che ogni mese trattiene l’importo della rata dalla busta paga. Vediamo quali sono le banche che concedono il prestito con cessione del quinto.

Le caratteristiche del finanziamento

La diffusione della cessione del quinto è legato alla semplicità del suo meccanismo e alla facilità con cui vi possono accedere i lavoratori dipendenti e i pensionati (anche chi ha avuto qualche problema creditizio in passato). Le rate vengono pagate dal datore di lavoro (o dall’ente previdenziale per i pensionati), che trattiene l’importo in busta paga. L’importo di ogni rata non può essere superiore al 20% dello stipendio netto (ecco perché si parla di quinto) e la somma erogata dipende dall’ammontare della retribuzione, dall’anzianità di servizio e dal TFR accumulato.

Le banche che concedono il prestito con cessione del quinto

Sono davvero tanti gli istituti di credito che erogano finanziamenti di questo tipo; senza contare le finanziarie che concedono il prestito con cessione del quinto, l’elenco delle banche è composto da:

  • UniCredit (tasso fisso del 5,50% per i dipendenti pubblici, dell’8,80% per i dipendenti privati e del 7,70% per i pensionati);
  • Banca Sella (fino a 45.000euro per i pensionati);
  • IBL Banca (per lavoratori dipendenti statali, dipendenti privati a tempo indeterminato e a tempo determinato, con il piano di rimborso che deve terminare prima della scadenza del contratto lavorativo);
  • BNL (con importo da un minimo di 1.200 euro fino ad un massimo di 75.000 euro);
  • Bper: Banca (con importi massimi di 75.000 euro per dipendenti pubblici e pensionati e di 50.000 euro per dipendenti privati);
  • Credem Banca (per pensionati e dipendenti con contratto a tempo indeterminato, con durate da 24 a 120 mesi);
  • Santander Consumer Bank (per dipendenti pubblici tra i 18 e i 65 anni, i dipendenti privati tra i 18 e i 62 anni, i pensionati fino a 82 anni che ricevono un assegno mensile superiore a 513,01 euro);
  • Hello Bank! (durata massima di 120 mesi e importo massimo erogabile di 75.000 euro);
  • Banco di Sardegna (per lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato e pensionati, con importi fino a 75.000 euro);
  • Intesa SanPaolo (per pensionati INPS, dipendenti pubblici e dipendenti pubblici MEF).