Prestiti per dipendenti regione Puglia

Oggi parliamo di un prestito dedicato ai dipendenti della regione Puglia, prestito che viene anche chiamato “Fondo”.
La somma di denaro si può erogare seguendo i le seguenti norme, ovvero un piccolo finanziamento fino ad una cifra pari a 2.600,00 da dover estinguere in un massimo di 24 rate mensili tramite delle trattenute dirette sulla busta paga del richiedente, piccolo prestito da 6.000 fino a 10.000 euro da dover rimborsare con un piano di ammortamento che prevede un massimo di 36 rate mensili anche in questo caso trattenute direttamente sulla busta paga del richiedente ed infine un prestito massimo di 15.000 euro. Se sceglie di richiedere il piccolo prestito, al richiedente viene addebitato il costo del tasso di interesse al lordo, il quale viene percepito dal prestito il primo giorno dell’anno. L’importo del tasso rimane fisso per tutta la durata del prestito, salvo imprevisti decisi dalla Regione, che comunque verranno comunicati al cliente. Possono fare richiesta del piccolo prestito pari a 2.600,00 euro tutti i dipendenti della regione Puglia i quali abbiamo almeno due anni di anzianità nel loro posto di lavoro, bisogna quindi presentare una domanda specificando la finalità del prestito, compilando un modulo al quale si deve allegare un preventivo della spesa da effettuare ed eventualmente altre documentazioni quando richieste.

Finalità accettate per il piccolo prestito Regione Puglia e documentazione necessaria

Il prestito viene elargito esclusivamente a tutti i dipendenti della Regione Puglia che debbano fare fronte in modo urgente alle seguenti necessità: urgenti spese mediche per sé stessi o per la propria famiglia, spese riguardanti l’acquisto della propria prima casa, spese legate alla ristrutturazione della casa in cui il richiedente risiede, spese per il matrimonio del dipendente stesso o di uno dei suoi figli. Sono esclusi dal ricevere il prestito tutti i dipendenti della Regione Puglia i quali hanno nel contempo degli altri finanziamenti in corso che prevedano delle trattenute mensili sulla loro busta paga, che sono sottoposti a dei procedimenti disciplinari, che sono stati pignorati, che sono inseriti nella lista dei cattivi o che hanno avuto dei disguidi finanziari di vario genere. I documenti da presentare presso la Regione Puglia per poter fare richiesta del finanziamento sono: un documento di identità in corso di validità (carta di identità, passaporto o patente), il proprio codice fiscale o il tesserino sanitario del richiedente, una fattura originale o fotocopiata del preventivo di spesa il quale non deve essere precedente ad un anno dal giorno dell’istanza, una certificazione che attesti lo stato di famiglia comprendente la variazione del nucleo familiare del richiedente.

Caratteristiche prestito fino a 15.000 euro

prestito

Per il prestito di importo massimo fino alla somma di 15.000 euro, il piano di ammortamento prevede l’estinzione del debito attraverso delle rate (per un massimo di 72 mesi) da dover trattenere direttamente sulle competenze di ogni mese del dipendente della Regione Puglia richiedente. Il prestito può venire elargito per fare fronte alle seguenti finalità: il matrimonio incombente del richiedente stesso o dei suoi figli, affidamento pre adottivo o l’adozione definitiva di un bambino, per l’ingrandimento o per l’acquisto della propria prima casa dove si risiede, spese mediche urgenti. Possono fare richiesta e ottenere questo tipo di finanziamento tutti i dipendenti della regione Puglia che hanno dei determinati requisiti, ovvero godere di un contratto di lavoro a tempo indeterminato con almeno un anno di anzianità, che siano privi di sanzioni disciplinari nel contempo, privi di altri finanziamenti in corso che prendano più di due quindi del suo stipendio attuale, di pignoramenti precedenti e di disguidi finanziari di altra natura. Nel caso in cui i prestiti in corso siano inferiori ai due quinti dello stipendio del richiedente egli ha la possibilità di accedere a questo finanziamento ma con delle rateizzazioni che non possono essere maggiori di sei mensilità

 

This entry was posted in Prestiti. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*